allora mi sono fermata e ho smesso per un attimo di fare le solite cose che fanno tutte le donne

in centro a salonicco ha da poco aperto un nuovo locale, ci sediamo ai tavolini fuori lungo la via svolou chè a stare dentro fa troppo caldo, anche se è dicembre ma è la grecia e stasera siamo tutti in maniche corte.
-ah ma qui ci torturavano la gente- fa iannis mentre legge il menù. io sono l’unica a sbarrare gli occhi, tutti gli altri annuiscono -ah già- sì lo sapevo -eh, me lo ricordo- che birra ordiniamo?
ma. come?
-eh sì- mi fa iannis alzando lo sguardo -ci hanno portato anche mia madre, comunista sovversiva di ventidue anni che nascondeva i compagni in casa sua, così una sera la polizia è andata in ospedale dove stava lavorando e l’hanno presa.
l’hanno portata qui dove ora noi beviamo birre belghe a sei euro l’una e siccome era una tosta e i nomi non li voleva fare, allora si sono messi a torturarla. lo facevano con tutti. una sua amica l’hanno tenuta a testa in giù fuori da un elicottero e le hanno fatto fare un giro sul golfo termaico per ore, ad un altro lo han ficcato in un sacco con dieci gatti e tutti -i dieci gatti e l’uomo-, tutti sono impazziti. mia madre invece l’hanno appesa per i polsi per tre giorni come un prosciutto da stagionare, lì proprio lì vedi? dove ora stanno i quadri con i disegni delle birre da tutto il mondo. e laggiù dove stanno i cessi, prima c’era la stanza della sua amica kikì che anche adesso è la sua amica del cuore, e lei le cantava con la sua voce bellissima le canzoni per farla addormentare.
-e poi?
l’hanno tenuta qui due mesi, coi polsi che le ciondolavano come le orecchie di un cocker -diceva lei- e poi l’hanno spedita in una prigione normale. e quando finalmente sono venuti a sapere che  fine aveva fatto, mia nonna le  ha portato da mangiare un pescione enorme e siccome era scafata, chè già in prigione ci era stata a suo tempo con metaxas, le aveva infilato nel ventre del pescione una matita e la cartina d’alluminio delle sigarette così si potevano scrivere.
-e poi?
e poi l’hanno mandata in esilio a ikaria dove le cose andavano meglio anche se le era proibito parlare con gli abitanti dell’isola e d’inverno tirava un vento gelido che fischiava come lo stridere di gabbiani.
poi la dittatura è finita e mia madre è tornata a casa e ha ripreso a fare le solite cose di sempre, quelle che fanno tutte le donne, lo shopping, la messainpiega, la spesa.
ma una volta al supermercato ha riconosciuto uno dei suoi torturatori che comprava le melanzane al banco frutta, allora s’è fermata e ha smesso per un attimo di fare le solite cose che fanno tutte le donne.

Annunci

11 Risposte

  1. molto emozionante

  2. grassie

  3. Bello bello.
    (Anche noi abbiamo tante storie di villeggiature ma nessuno le racconta più. Peccato. I villeggianti si stanno estinguendo e sono rimasti solo gli animatori turistici.)

  4. Bel racconto,..

  5. … e che ha fatto?

    • eh, un attimo lungo come l’attesa della morte, credo

  6. Alle volte la vita può essere una cinica e brutale beffa

  7. ..aazzzz!!!
    (bello!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: