paura eh?

noi siamo una famiglia. ti amiamo. mangia, perchè non mangi? sei troppo magra. è per il tuo bene. hai messo su qualche chilo, non è detto che io ti ami per sempre, se ingrassi divorziamo. fallo per la nostra famiglia. ora non sei più sola. non sarai mai più sola. per il pupo avevamo pensato a questo lettino in ferro battuto, era della nonna. benvenuta in famiglia. guarda il fregio della testata che bello. non è un amore? e, mentre immagini tuo figlio trasformarsi di notte in zombie e allungare la manina grassa attraverso quelle sbarre, dici sì perchè siamo una famiglia e chini la testa perchè che vorresti fare, protestare? no, la famiglia tu l’hai voluta allargare e allora pensa a tutte le nuove ricorrenze onomastici occasioni battesimi da festeggiare, anche se alcuni parenti sono fan di borghezio su facebook e quelli non ce li vorresti  proprio ma non si può mica non invitarli,  siamo una famiglia e contiamo su di te. non lo vedi come facciamo tutti a gara a chiamarti  se litighiamo- cose da nulla però, siamo una famiglia, ci amiamo. la famiglia a volte era meglio nascere orfani ma tu non sei mai scappata abbastanza lontano.

Annunci

23 Risposte

  1. ma sei incinta? dobbiamo festeggiare? ma anche no.

  2. confessione anonima

    I bambini mi fanno proprio ribrezzo, e fingo male che non sia così.
    Ogni volta che sento di gente incinta avverto disagio istintivo, come se fosse una cattiva notizia, che anche se non ti riguarda ci rimani male.
    Quando qualche amico mi comunica la lieta novella io sorrido e mentalmente lo depenno dalla gente che frequenterò.
    Se costretta dalle circostanze dico, tenendomi molto vaga, che i bimbi non mi piacciono la gente mi tratta con condiscendenza e compassione, mi dice che cambierò idea, che vorrò dei figli miei.
    Dieci, cento, mille figli miei che mi faranno amare i bambini, tutto sarà diverso.
    Ha ha che sciocchina, che storie sono queste, certo che amerai i bambini.

    Io annuisco, e penso che la prossima volta sarò più svelta a cambiare strada.

    • (io comunque non sono incinta, era tutta una finzione letteraria per esprimere la mia vena artistica)

  3. (questo mi migliora la giornata)

  4. colei che stamattina parlava di aprire un asilo. come far aprire un canile a crudelia demon

    • ma io voglio diventare ricca

  5. non è vero, i bambini non fanno ribresso: sono zimpaticizzimi. quelli degli altri.

    • e a volte anche quelli no

  6. io so di un bambino che pianta le grane tutte le mattine alla madre per andare a scuola. lui chiede soltanto di essere trattato come un onesto lavoratore visto che andare a scuola è un lavoro e per questo esige uno stipendio. le ultime discussioni lo vedevano reclamare -solo- mille euri.
    a me racconti del genere sui bambini mi fanno passare tutte le riottosità contro i bambini stessi che in fondo sono come noi, solo un po’ più bassi.
    eviterei le discriminazioni.
    fanno male alla pelle.

    • guardi la riottosità a dire il vero ce l’ho solo contro la famiglia (bambini inclusi), la mia.

  7. “visto che andare a scuola è un lavoro e per questo esige uno stipendio. (…) i bambini stessi che in fondo sono come noi” -> arroganti ed ingrati rompipalle, come si evince da questo aneddoto, solo senza le benedette inibizioni sociali di un adulto.
    Grazie ma no grazie, io mi adotto un nano.

  8. Guardi, io quando dicevo “a me i bambini non piacciono” (che poi non ho pazienza con loro, non so cosa dirgli e non mi fanno ridere le loro bugie e i loro capricci, ecco) venivo guardata come se avessi detto “mi diverto a prendere a calci i gattini appena nati”. Però figli ne ho sempre voluti. Però la mia bimba non l’ho ancora presa a calci (aspetto il primo capriccio). Però direi che lei sì, mi piace. La schizofrenia sarà peggiorata? La cosa più buffa(?) è stato sentire i commenti della famiglia, o meglio, di mio fratello e mia sorella che molto sorpresi esclamavano “Però, sei una brava mamma!” (sottotesto: anvedi, invece di somigliare a Crudelia Demon con deriva nazista non è malaccio…chi l’avrebbe mai detto!). La famiglia.

    • egrgia scila io la stimo moltissimo e stimo pure quella parte della sua famiglia che conosco. ecco, detto questo io -ne sono certa- un giorno (non molto presto mi auguro) vivrò la sua stessa schizofrenia. che poi lo ripeto, la paura non sono i bambini. è la famigghia.la mia.

      • egrgia eh

  9. ma perché un nano no?
    fa simpatia, dà una mano, si autodetermina.

    E sicuramente i propri figli sono molto più sopportabili di quelli altrui. Peccato si sia poi costretti ad una quindicina di anni di frequentazione intensiva di altri -orrendi- pargoli, e relativi -orrendi- genitori, tutti affaccendati nell’impresa di traviarti il virgulto.

    • sul fatto che i propri figli siano meglio di quelli altrui non sono sicura. di genitori orrendi invece ce n’è, son d’accordo.

  10. ho già prenotato una vasectomia…..

    • no percarità qualcuno dovrà pur tramandare la genia

  11. io pensavo di adottare un keniota sui 25 anni.
    e un nano.

    • io ero orientata più su un carlino. sempre nano è. ma mi si ostacola qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: