essere carrie bradshaw ovvero vita da montanara

sapete, quella cosa delle gite fuori porta per trentenni col culo a forma di frau o con la voglia matta di partire prima o poi, mollare tutto sì, perchè oddio il cemento il caos i parrucchieri con le luci al neon eccetera. il gruppo di vacanzieri è  misto -amico di coppia d’amici di amico gay eccetera- quindi poi c’è tutto lo strazio delle presentazioni -parlami un po’ di te dài, che fai tu nella vita?

i maschi non oltrepassano il loop delle premesse,  birra su birra; le femmine  invece sono più consone a quella triste capitolazione emotiva del raccontarsi le proprie intimità sessuali. nessuno fa caso all’abito, al nervo scoperto dell’ingombro da stoffe pesanti, perchè non stiamo parlando di una cosa da vip, di uno di quei rifugi di montagna superiscaldati con i lavandini flat.  no, qui c’è la stufa, una, c’è il tempo da passare seduti a presentarsi (maschi) a parlare di cazzi (femmine). nessun cervello veloce. morire. di. noia. l’unica cosa extreme è il mio mascara.

la famiglia che ci ospita vive in mezzo ai boschi. lui è andato lì per per non far crescere  i bisogni e per distruggere i palazzi e tutte le umane relazioni che li ospitano, è fanatico e settario ma senza nessuna cattiveria dottrinale -dice “voglio costruirmi una casa di paglia”. io rido “ah ah ah”, lui resta serio, “non mi pigli in giro vero?”.  “non scherzo mai su queste cose”  mi fa aggrottando le ciglia -paura- e vabbè, mi giro e ritorno a parlare di cazzi anch’io.

lei costretta dall’amore a questa vita in cui guardarsi allo specchio è un inutile esercizio di crudeltà, a questa vita fricchetton-morbosa, tipo passiamoci le canne, tipo siamo tutti una famiglia anche se solcazzo chi sei tu con quelle scarpe da fichetta di città, ti faccio vedere il mio orto?

non me ne fotte una sega del tuo orto, sono otto ore che stiamo seduti intorno a questa stufa a parlare della rava e della fava, non che io sia da meno sai, mi difendo bene anch’io nell’esercizio dell’infelicità e non sto parlando solo di alimentazione suicida eccetera. io sono la semina grottesca, sono la claustrofobica, lo so, guardami pure storta con quella mia frangetta da idiota che per vivere come fai tu ci vuole uno sguardo basso e leggero che non ho. e oggi sono carrie bradshaw.

Annunci

16 Risposte

  1. Quello che mi fa paura è che mi pare di aver letto (nella tua voce su wikipedia) che tu scrivi soprattutto di esperienze vissute.
    Spero siano almeno trasfigurate, o comunque vissute sì, ma da qualcun altro.

    • ha presente la scissione verticale? il medico mi voleva dare delle pilloline ma io gli ho detto no: preferisco scrivere

      • no vabbè, sono trasfigurate (io sto bene)

  2. ne sono molto felice e sollevato.

  3. Gentile Pattymeet

    continui a lasciar perdere le pilloline, e si trovi un medico fricchettone che le prescriva solo scritture prima dei pasti (o anche durante, o dopo, o incorrelate, insomma a piacere, purche’ quotidiane).

    • scusi ma lei com’è che alle cinque della mattina stava a leggere il mio blog?
      comunque sì, per ora niente litio

      • Com’e’ che alle 5 leggo il suo blog?

        Banale insonnia. Poi non e’ che la leggo sempre alle 5, qualche volta alle 4, qualche volta alle 3, etc. etc., l’orario e’ variabile.

        Comunque le 5 della mattina (o giu di li’) in genere e’ il momento della giornata nel quale sono massimamente lucido, pensi lei come sto combinato.

  4. si, ma guardi che noi che viviamo in mezzo ai boschi per non far crescere i bisogni, palazzi,ecc ecc, sappiamo mica chi è carry brashaw

    • ecco, appunto, vada a spaccare la legna. vada.

  5. vite parallele ed allucinanti

  6. @propattymeet, no io pure la capisco sa, sono almeno soporifera?

    • No, no, no, no, guardi, oggi la leggo in orario canonico.

      Sig.ra Pattymeet, lei, scusi sa, e’ sottilmente perfida, ma io sono un ragazzo alla buona, non all’altezza della competizione.

      Percio’ alzo subito bandiera bianca, a lei la vittoria a tavolino per rinuncia dell’avversario.

      • non sono perfida, è che sono senzibilizzima

  7. Io concordo con ProPattymeet, che poi mi sta pure simpatico perché sta combinato come me che leggo il tuo blog alle due e venti..

  8. l’insonnia è una brutta bestia, spero almeno di farvi addormentare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: