Volevo il Dolceforno

dolceforno11Circa una volta l’anno compio il mio capolavoro in cucina, così ieri presa dal trip domenicale ho steso una sfoglia all’uovo che ci siam commossi tutti quanti (successo documentato con le fotine).
C’è stato tuttavia un attimo mentre preparavo le tagliatelle in cui il mio sguardo s’è posato sul blender, come ho detto è stato solo un attimo ma tanto è bastato perchè innescasse la compulsione.
E mentre già impugnavo l’arnese era partita in sincrono anche la musica di Psycho: “EHI CHE NE DICI SE PASSO TUTTO AL BLENDER EH?” (bava alla bocca, occhi inettati di sangue).
Nella mia testa solo una voce, l’input primordiale: BLENDERIZZARE. BLENDERIZZARE TUTTO.
Così ho ieri capito che.
Uno: la mia personalità è stata influenzata dagli eventi tra i due e dieci anni, dopodichè per me non c’è stato più nulla da fare.
Due: quella che doveva essere la funzione educativo barra ricreativa dei giocattoli in realtà è stato un buco nero, il ricettacolo delle mie nevrosi da adulta.
Ecco una lista (non esaustiva) della fenomenologia appena descritta.

Da piccola non ho mai avuto il Dolceforno Harbert, era il gioco più bello di tutti, io lo volevo più d’ogni altra cosa al mondo ma nessuno evidentemente mi amava abbastanza da comprarmelo; questo spiega senza dubbio la mia compulsiva tendenza a blenderizzare ogni cosa.

Ad un certo punto possedere il Dolceforno smise di essere una questione di svago e divenne uno status, solo le bambine più fiche ce l’avevano, praticamente il corrispondente adulto di quelle con il maglioncino di cachemire. Fatto che compensavo ripetendomi che, pur non possedendo l’oggetto dei miei desideri, potevo contare su una personalità e che anzi, proprio per quella mancanza, io ce l’avevo una personalità. Anche questo spiega il mio essere contemporaneamente repressa e colma di spocchia.

In compenso avevo la bambola Sbrodolina e alcuni dei miei parenti ancora oggi si domandano stupiti come mai non abbia ancora fatto un figlio.

La casa di Barbie non era quella originale me l’aveva costruita mio padre ma a me piaceva anche di più; ecco perchè oggi sono una fan dell’Ikea e di tutto quanto riporti la targhetta CONVENIENTE OFFERTA SVENDITA.

Io alle barbie tagliavo i capelli e facevo fare scene di sesso lesbico perchè non avevo Ken ma del maschio nessuno sentiva la mancanza. Per cui oggi sono incapace di accettare un’uniforme distribuzione del potere all’interno della coppia.

A Cicciobello i conigli di mia nonna gli avevan mozzato tutte le dita, per cui sin da piccola ho imparato a rispettare i conigli.

Ricordo infine di come passassi ore ed ore a truccarmi coi trucchi finti, poi  uno ti dice accetta serena il passare degli anni, ma perlamiseria allora POTEVATE FARMI GIOCARE CON IL DOLCEFORNO NO?

Qui per le fotine.

Annunci

15 Risposte

  1. io avevo il dolceforno e oggi in cucina sono una schiappa.
    che uol dire?

  2. che ha già dato in passato

  3. questo post mi rende alfine giustizia e mi spiega tante cose. mi sono quasi commosso (comunque le tagliatelle di ieri erano S-T-R-A-T-O-S-F-E-R-I-C-H-E)

    • devo smettere di scrivere sulle mie prese di coscienza

  4. Sì, ma che cazzo è il blender?

    • un frullatore (ma io che so le lingue appena posso me la tiro)

  5. ecco, sono andato a vedere le fotine delle tagliatelle e mi è venuta fame (e ildatoredilavorodjmarito ci dice pure che erano stratosferiche!!!) mentre il massimo che posso mangiare sono le merendinetuttegrassidrogenati della macchinetta (bleah!!). quale frustrazione infantile starà dietro tutto ciò?

    • i grassi idrogenati sono buonizzimi non si lamenti, per molti di noi è il massimo a cui si può aspirare

      • ecco, allora propongo uno scambio: mi mandi pure una marmitta di tagliatelle con la bottiglia di rakì che mi promise in passato e io le mando tutte le merendine della macchinetta

  6. le tagliatelle sembrano buone (meglio senza blender)

  7. @frank la rakì non la scambio con niente è matto?
    @marco (dice?)

  8. Come si soffre! io non avevo il dolceforno, mia madre non ha mia voluto comprarmi Cicciobello (neanche quello negro, x questo nell’adolescenza sono stata esterofila!), la casa di Barbie me l’hanno costruita i miei, ma io volevo quella originale con l’ascensore anche se la mia era bellissima e ci aveva pure la pelle d’orso davanti al camino! le dita di alcuni dei miei sette nani sono state tagliate nello sforzo educativo di farmi capire come ci si sente quando qualcuno rovina le tue cose (solo perché avevo disegnato un paesaggio notturno con uno spillo sui mobili della sala, questo spiega perché non sappia ancora disegnare!) e poi riattaccate, ma no era uguale…con un’infanzia così, mi stupisce che io sia così normale..HAHAHAHAHHAHA!

    • ora-si-calmi (è dura lo so meglio di me nessuno può capirla)

  9. Io da piccolo volevo il piccolo chimico. Per fortuna non me l’hanno mai regalato.

    • sì può darsi ma ora non hai mai voglia di fare micidiali intrugli con alcolici e/o cibo? eh?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: