sono una tipa sveglia io

sono un’ottima insegnante, conosco tutte le regole e le trappole della grammatica italiana oppure me le invento, fa niente; voglio dire, ieri non mi veniva in mente lavandino allora io, procedendo con astuta sineddoche, ho detto ragazzi la vaschetta lì, si dice rubinetto, cioè venitemi a dire ora che un greco che neppure si ricorda il verbo potere mi può confutare il lessico dei sanitari.

e comunque quando sono proprio messa alle strette ho da giocare la mia carta segreta: ragazzi, ve lo ripeto, in italiano l’unica regola è l’eccezione!  sono insomma una tipa sveglia.

per questo non sopporto gli stupidi. lo so, non sta bene, sono cattiva ed insensibile, loro son nati scemi che colpa ne hanno?  si, è tutto molto vero ma stavolta m’è capitato in classe il re degli scemi, cioè per capire quanto banco può essere kostas, una volta gli ho detto le vocali sono cinque: AEIOU. capito?
si

tutte le altre sono consonanti, capito? e siccome lo vedo un po’ perso gli faccio pure l’esempio: per esempio bi è consonante, ci è consonante, di è consonante, capito?
si.
  
bene.
ma, e zeta cos’è?
lo guardo basita ma anche un po’ schifata.
di’ kostas, hai pensato che le consonanti fossero solo bi ci di, confessa, è così vero?
si.

no?

e niente, m’accanisco contro la sua idiozia perchè si, perchè a noi intelligenti uno così ci rallenta il processo creativo, ci intossica l’exploit didattico, ma io dico, sei scemo? datti al giardinaggio. e siccome non mi basta un biasimo strisciante, lo perculo anche con gli amici, dico voi non sapete, dico mamma mia che tocco, dico ci ho lo stress così non si può lavorare, finchè un giorno kostas mi dice che lo devo scusare se è un po’ lento, che, anche se me ne sarò certamente accorta, è stato male e gli han tolto quasi mezzo cervello, così con solo mezzo encefalo è stato un anno senza parlare e tutti i medici gli dicevano che non avrebbe potuto mai più fare niente, manco allacciarsi la camicia, manco temperare le matite, ma me ne sarò certamente accorta io col mio acuto spirito d’osservazione che  al posto  della scatola cranica ci ha una placca di ferro, che lo sa che si vede lontano un miglio che la sua testa è strana e al posto dei capelli ci ha un laniccio sintetico, e che mi ringrazia per averlo trattato come tutti gli altri, l’ho fatto sentire meglio.

comunque non è una di quelle becere storie con la morale, ma oh, io davvero pensavo che ci avesse uno stupidissimo taglio asimetrico cotonato di quelli abbastanza  trendy-tamarro.

Annunci

13 Risposte

  1. su coraggio. ha la mia solidarietà di gaffeur.

  2. vai avanti su questa strada, chiedi le classi differenziali

  3. esattamente, si deve proteggere la verve degli insegnanti, non si vorrà mica una classe d’insegnanti scoglionati

  4. Ma, signorina, che ha cambiato lavoro? Adesso fa il sogno erotico dell’adolescente acheo l’insegnante?

  5. non gli facciam mancare nulla a ‘sti greci, prestazioni legali e didattiche (la minigonna è compresa nel prezzo). se me le chiedono entrambe gli fo lo sconto.

  6. no, è che è la crisi, sa c’è la crisi. con la crisi.

  7. no ma vedete tutti che la dipendente ha problemi con quasi tutti gli studenti. quello e’ un nazista. l’altro e’ un menomato. verrebbe da pensare che il problema sia lei. l’unico modo per salvarsi il didietro a questo punto sarebbe fondare un partito o sposare il datore di lavoro. cosa non si farebbe algiornodoggisignoramia

  8. così lei mi spinge all’infedeltà! lo sa che avrei potuto essere ministra io?

  9. E se invece kostas andasse nella direzione giusta?
    Siamo in democrazia, lasciate decidere alle lettere stesse se vogliono essere vocali o consonanti, nazisti!
    Basta con questa disumanizzante ed antiquata “grammatica”, dico io.

  10. certo che l’è dura neh..

  11. signora mia…

  12. Si impara, tutto si impara. Ad esempio si impara con gaffes come la sua o come una delle mie innumerevoli: “Ci sono due Martine in questa classe, bene, allora Martina bionda e Martina mora. Ah, e due Sare, allora Sara bionda e Sara…..” Sara mi guarda da sotto l’evidentissimo foulard islamico che le copre i capelli…cazzo, proprio il colore dei capelli dovevo scegliere….”Sara con la maglia rossa?????” Voglio morire.

  13. oh. come la capisco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: