Dice

Mi piego a terra ed un lembo di pizzo nero oltrepassa la linea dei pantaloni.

Mutande mutande. Sta fissando il mio sedere, non posso dargli torto.

Mi guarda con i suoi occhi, dice lui, da bretone, perche’ romagnolo com’e’, discende da donne gallesi, dice, che si scoparono tutti i romani della zona; cosi’ lui si porta appresso l’eredita’ somatica della discendenza nordica e infatti, dice, se vedi bene il taglio degli occhi e’ quello di un bretone. Si, infatti.

E ancora. Oramai il matrimonio e’ una trappola, ma che ti sposi a fare? Ma io, mica. No, no, guarda, dice, e’ la chiesa che ci vuole controllare a tutti e infatti i singles sono senza disciplina, non c’e’ niente da fare con loro. A parte con la droga, ci riesci per un po’ a manovrarli.  Si, infatti.

Rimetto il pizzo al suo posto, sia mai che siano state le vogliette da cinquantenne aizzato da merletti vaganti a  generare la foga del soliloquio.

La lavapiatti armena si mette a piangere. Oggi le e’ partito il figlio, torna in Armenia per sposarsi e a lei le tocca restare e lavorare qui, dove sono anche io e dove c’e’ pure lui che paga e che non tollera queste lacrime di madre separata dalla terra e dalla genia. Dice, che due palle questi qui, sempre a lagnarsi, io non so mica se si puo’ andare avanti cosi’, loro vengono qui per essere sfruttati e noi allora li si sfrutta, poi pero’ c’e’ sempre qualcosa che non va e si lamentano e piangono, i problemi fossero questi, dice, te pensa che io la settimana prossima vo a pagar le tasse, dio bon.

Un po’ ci resto male, ed io che pensavo fosse tutta responsabilita’ della mia velata provocazione sessuale. Invece. Tanto per esserne sicura mi chino sulle casse di birra e lascio che per la seconda volta  si abbassino le braghe.

Mutande mutande.

Ma l’uomo dagli occhi bretoni sa bene quel che dice e stavolta non si lascia distrarre da futili argomenti, per esempio adesso al di la’ della strada passano gli zingari e quelli, dice, quelli sono come gli indiani, non gliene fotte niente.

E non mangiare gli gnocchi sai? Che ti ostruiscono i pori d’energia. Ah no guarda se e’ cosi’ me ne guardo bene, chi se li fila gli gnocchi e mi rimetto a posto il cavallo calato.  Che poi, dice, fai la fine di Pasco Rossi.

Dice tutte queste cose, lo so, pero’ mi paga bene.

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: